Blog Details

Startup: Voucher 3I-Investire in Innovazione, come richiederlo

È stato pubblicato il Decreto Direttoriale della Direzione Generale per la Tutela della Proprietà Industriale - Ufficio Italiano Brevetti e Marchi che rende operativa la misura Voucher 3I - Investire in Innovazione, rivolta a supportare la valorizzazione del processo di innovazione delle startup innovative, fornendo agevolazioni per l’acquisizione di servizi di consulenza per la brevettazione. La misura agevolativa, prevista dal 'Decreto Crescita' e gestita da Invitalia, ha uno stanziamento di 19,5 milioni di euro per il triennio 2019-2021. Il Decreto ha definito le modalità e i termini di presentazione delle domande ed ulteriori aspetti applicativi che vi illustreremo in questo articolo.

Il Voucher 3I

La misura è rivolta a tutte le startup innovative che intendono valorizzare il proprio processo di innovazione. In particolare, il voucher consente di acquistare:

  • servizi di consulenza relativi all'effettuazione delle ricerche di anteriorità preventive e alla verifica della brevettabilità dell'invenzione (2.000 euro + IVA);
  • servizi di consulenza relativi alla stesura della domanda di brevetto e di deposito presso l'Ufficio italiano brevetti e marchi (4.000 euro + IVA);
  • servizi di consulenza relativi al deposito all'estero di una domanda che rivendica la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto (6.000 euro + IVA).

Ciascuna startup può richiedere, nell’arco di 12 mesi calcolati a partire dalla prima richiesta, la concessione di voucher per ciascuna tipologia di servizio per un numero massimo di tre invenzioni e/o domande di brevetto

La startup in possesso del voucher potrà utilizzarlo esclusivamente per pagare i servizi di consulenza (non include tasse e diritti relativi al deposito) forniti da consulenti in proprietà industriale e avvocati iscritti in appositi elenchi che sono stati predisposti rispettivamente dall'Ordine dei consulenti in proprietà industriale e dal Consiglio nazionale forense

Come funziona

  1. La startup presenta richiesta a Invitalia, indicando la tipologia del servizio di cui vuole beneficiare e il fornitore individuato per la sua erogazione, allegando l'accettazione dell’incarico da parte di quest’ultimo.
  2. Entro 30 giorni, Invitalia informa il fornitore di aver avviato la procedura per l’accesso all’incentivo e avvia le necessarie verifiche sui requisiti richiesti per startup e fornitore.
  3. In caso di esito positivo, Invitalia rilascia il voucher alla startup e lo notifica al fornitore prescelto (in caso di esito negativo procede con il diniego dell’istanza dandone comunicazione a entrambi).
  4. Entro 120 giorni dalla ricezione della notifica, pena la revoca dell'incentivo, il fornitore eroga integralmente il servizio e quindi trasmette a Invitalia: una relazione conclusiva sull’attività svolta, controfirmata dalla startup; il Voucher 3I ricevuto dall’impresa; la fattura per il servizio erogato, intestata esclusivamente a Invitalia.
  5. Invitalia verifica la documentazione ricevuta dal fornitore e procede al pagamento del voucher nei suoi confronti (in caso di verifica negativa procede con il diniego al pagamento).


Come presentare la domanda

La misura agevolativa è concessa sulla base di una procedura automatica a sportello fino ad esaurimento fondi. Le domande dovranno essere compilate ed inviate esclusivamente attraverso il sito web di Invitalia, a partire dalle ore 12.00 del 15 giugno 2020 e fino all’eventuale esaurimento delle risorse disponibili, che verrà immediatamente reso noto con decreto direttoriale pubblicato sui siti del MiSe e del soggetto gestore. 

La domanda è articolata nei seguenti campi:

a. presa visione privacy;
b. sezione anagrafica;
c. descrizione dei servizi di consulenza;
d. indicazione del fornitore prescelto.

Occorrerà allegare l'accettazione dell'incarico da parte del fornitore individuato e le dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà, i cui format sono scaricabili in automatico al momento della presentazione della domanda, relativi a:

  • requisito di start-up innovativa;
  • aiuti in regime de minimis;
  • regolarità contributiva; assenza di partecipazioni societarie tra impresa e fornitore;
  • assenza di altri incentivi pubblici concessi a titolo di aiuti di stato aventi ad oggetto le stesse spese;
  • carichi pendenti ed informazioni iscritte nei casellari giudiziari;
  • procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche.

Tutta la documentazione prodotta deve essere firmata digitalmente dal legale rappresentante del soggetto richiedente.

Articoli correlati

Image
Icons

Bandi UE: European Youth Together, aperta la call for proposals 2020

C'è tempo fino al 28 luglio 2020 per presentare proposte progettuali nell'ambito della call EACEA/10/2020 European Youth Together. Il bando, parte d ...

Leggi tutto
Image
Icons

Terzo settore: bando 2020 per progetti di crowdfunding di BPER Banca

Sono aperte le candidature al bando Il futuro a portata di mano, lanciato da BPER Banca per sostenere progetti di innovazione, in ambito educativo o cultur ...

Leggi tutto
Image
Icons

Circular Economy: VII Green Alley Award, premio da 25mila euro per startup

È stata posticipata all'8 settembre l'apertura della call for proposals della settima edizione del Green Alley Award, il premio europeo dedicato alle sta ...

Leggi tutto