Blog Details

Lombardia: contributi per l’innovazione e la valorizzazione delle attività storiche e di tradizione

La Regione Lombardia e Unioncamere Lombardia, nell’ambito degli impegni assunti nell’Accordo di collaborazione per lo sviluppo e la competitività del sistema economico lombardo, hanno lanciato il bando "Imprese storiche verso il futuro. Contributi per l’innovazione e la valorizzazione delle attività storiche e di tradizione" rivolto alle micro, piccole e medie imprese (MPMI) lombarde iscritte nell’elenco regionale delle attività storiche e di tradizione. Il bando, con una dotazione complessiva di 2.300.000 euro, mira a sostenere e cofinanziare interventi finalizzati a: 

  • restauro e conservazione di beni immobiliari, insegne, attrezzature, macchinari, arredi, finiture e decori originali legati all’attività storica;
  • sviluppo, innovazione e miglioramento della qualità dei servizi;
  • maggiore attrattività dei centri urbani e dei luoghi storici del commercio, valorizzazione di vie storiche e itinerari turistici e commerciali;
  • passaggio generazionale e trasmissione di impresa.

L’agevolazione consiste nella concessione di un contributo a fondo perduto pari al massimo del 50% delle spese considerate ammissibili al netto di IVA. Il contributo è concesso nel limite massimo di 30mila euro e l’investimento minimo è fissato in 10mila euro al netto di IVA. Le spese correnti sono riconosciute nel limite massimo del 15% del costo totale del progetto ammesso. L'erogazione avverrà a saldo, previa verifica della rendicontazione presentata, al netto della ritenuta di legge del 4%.

Progetti ammissibili

Sono ammissibili al cofinanziamento investimenti per le seguenti tipologie di progetto:

1. Ricambio generazionale e trasmissione di impresa

  • Formazione per la trasmissione delle competenze rivolta ai titolari/gestori delle attività storiche e di tradizione, agli imprenditori subentranti nell’attività, ai giovani che intendono rilevare le attività storiche e di tradizione.
  • Consulenza organizzativa, finanziaria, commerciale e tecnica per l’avvio del programma di ricambio generazionale.
  • Formazione specifica per lo sviluppo e il consolidamento delle competenze digitali.

2. Riqualificazione dell'unità locale di svolgimento dell'attività 

  • Rinnovo degli spazi e degli allestimenti per migliorare la funzionalità e l’attrattività, mantenendo le qualità strutturali, le caratteristiche storiche e l’impatto visivo originario di locali e arredi.
  • Introduzione di tecnologie e impianti innovativi, inclusi quelli per la riqualificazione energetica e il miglioramento della sostenibilità ambientale.
  • Progetti finalizzati ad accrescere l’attrattività dei centri urbani e degli addensamenti dei luoghi storici del commercio.

3. Restauro e conservazione

  • Restauro e conservazione di strutture (soffitti, pavimenti, eventuali affreschi, …) di particolare interesse storico, culturale, artistico, architettonico presenti all’interno dell’unità locale.
  • Restauro e conservazione di arredi mobili storici e/o di pregio, di insegne storiche e/o di pregio, di vetrine di pregio per il fronte stradale.
  • Restauro e conservazione di attrezzi, utensili e macchinari di particolare pregio e/o riferiti a tecniche di produzione tradizionali.

4. Innovazione

  • Progetti innovativi destinati al miglioramento dei processi, dei prodotti e dei servizi offerti dalla storica attività.
  • Progetti di manifattura innovativa.
  • Introduzione di soluzioni digitali per la gestione del magazzino.
  • Acquisto e implementazione di soluzioni ad alto impatto innovativo e tecnologico per l’artigianato digitale.
  • Progetti di sviluppo di servizi condivisi tra due o più attività storiche e di tradizione (es. consegne).

La domanda può riguardare progetti relativi a uno o più degli ambiti di intervento previsti. Ciascuna impresa può presentare una sola domanda di contributo in forma singola o aggregata (minimo di 3 imprese fino ad un massimo di 5). In presenza di più unità locali riconosciute e iscritte nell’elenco regionale, l’impresa o le imprese aggregate dovranno indicare la sede oggetto dell’intervento. Gli interventi dovranno concludersi nel termine massimo di 15 mesi a decorrere dalla data di pubblicazione del bando.

Presentazione delle domande

Le domande di contributo devono essere presentati a Unioncamere Lombardia in modalità telematica a partire dalle ore 10.00 del 28 febbraio 2020 ed entro le ore 15.00 del 29 aprile 2020. Per l'invio è necessario essere registrati ai servizi di consultazione e invio pratiche di Telemaco, secondo le procedure disponibili all'indirizzo
www.registroimprese.it. La procedura per la presentazione delle domande è dettagliata nelle pagine 12-14 del bando. La documentazione da allegare è disponibile nella sezione “Bandi e contributi alle imprese” di Unioncamere. 

Articoli correlati

Image
Icons

Giovani: IV edizione 'Youth in Action for SDGs', aperta la call for ideas

Aperte le candidature per il concorso Youth in Action for Sustainable Development Goals (SDGs), quarta edizione della call for ideas lanciata da ...

Leggi tutto
Image
Icons

Bandi UE: call per progetti di capacity building nel campo dei diritti dei minori

Sostenere progetti nazionali o transnazionali che mirano a promuovere lo sviluppo delle capacità, lo scambio di buone pratiche e la formazione nel campo ...

Leggi tutto
Image
Icons

Mipaaf: bandi per il finanziamento dei Distretti del cibo, come accedere alle agevolazioni

Sono state prorogate al 18 maggio 2020 le scadenze dei bandi nazionali per il finanziamento dei Distretti del cibo, lanciati lo scorso 17 febbraio dal Ministero ...

Leggi tutto