Blog Details

Campania: contributi fino a 150mila euro per progetti in sostegno delle fasce deboli

Contributi fino a 150mila euro per imprese capaci di introdurre soluzioni innovative che affrontino i problemi legati all’inclusione sociale, alle fragilità, alla povertà: è quanto offre l'Avviso Pubblico "Sostegno all’avvio e rafforzamento di attività imprenditoriali che producono effetti socialmente desiderabili e beni pubblici non prodotti dal mercato", lanciato dalla Regione Campania e pubblicato sul BURC n.17 dello scorso 3 marzo. 

Chi può partecipare

Possono presentare proposte progettuali imprese sociali e cooperative sociali, queste ultime anche in consorzio, che rientrino nella definizione comunitaria di Piccola e Media Impresa e che siano iscritte negli appositi registri attualmente in vigore. 

Attività finanziabili

Potranno essere finanziati progetti da realizzare nell’ambito del territorio della Regione Campania che siano diretti a potenziare l'offerta dei servizi sociali e sociosanitari e sperimentare soluzioni innovative per la realizzazione di prodotti e servizi maggiormente rispondenti ai bisogni degli utenti/cittadini. In particolare, la Regione intende supporterà azioni volte a: 

  • migliorare la conoscenza dei fabbisogni degli utenti di riferimento;
  • apportare competenze nel campo delle tecnologie, dell'informazione e della comunicazione a servizio delle fasce deboli;
  • innovare le modalità di erogazione e migliorare la qualità dei servizi offerti ai cittadini;
  • promuovere percorsi di inclusione socio lavorativa;

Il contributo da richiedere non può essere superiore a 150mila euro. I soggetti richiedenti, pena l'esclusione, potranno presentare una sola domanda a valere sull'avviso. 

Forma dell'agevolazione

L’agevolazione è concessa sotto forma di contributo a fondo perduto nella misura del 100% della spesa ammissibile, ai sensi del Reg. (UE) n. 1407/2013 del 18 dicembre 2013 relativo all’applicazione degli articoli 107 e 108 del trattato sul funzionamento dell'UE sugi aiuti “de minimis” (GUUE L. 352 del 24/12/2013).

Come partecipare

Le domande di ammissione ad agevolazione devono inviate esclusivamente a mezzo pec, all’indirizzo dg.500500@pec.regione.campania.it, fino alle ore 24 del 45° giorno lavorativo successivo alla data di pubblicazione dell'Avviso (BURC n.17 03/03/2020). Ciascuna proposta progettuale deve, a pena di esclusione, essere presentata utilizzando la modulistica allegata al bando:

  1. copia del documento di identità del legale rappresentante del soggetto proponente;
  2. dichiarazione attestante gli aiuti “de minimis” ottenuti dall’impresa;
  3. dichiarazione di affidabilità giuridico-economico-finanziaria;
  4. domanda di partecipazione;
  5. formulario di presentazione del progetto.

L'Avviso Pubblico e la documentazione necessaria sono disponibili sul sito della Regione Campania. 

 

Articoli correlati

Image
Icons

Incentivi: Smart Money, cos'è e cosa offre la nuova misura del MiSE per le startup

Misura Smart Money Promotore Ministero dello Sviluppo Economico Scadenza Misura a sportello Dotazione finanziaria 9,5 milioni di eu ...

Leggi tutto
Image
Icons

Resto al Sud: esteso l'incentivo agli under 56, come richiederlo

Resto al Sud amplia la platea dei beneficiari: la Legge di Bilancio 2021 ha innalzato da 45 a 55 anni il limite di età per l'accesso allo strumento agevo ...

Leggi tutto
Image
Icons

Città circolari: DigiCirc, open call per soluzioni innovative di PMI e startup

Bando DigiCirc - Circular Cities Open Call Promotore Consorzio Progetto DigiCirc Coordinatore: CAP Digital (FR). Partners: Kemin Digipolis ...

Leggi tutto