Blog Details

Innovazione: come verificare se la nostra strategia è ‘socially responsible’

Di fronte ad una società sempre più liquida, che incontra difficoltà nel fornire dei punti di riferimento stabili, anche l’impresa è chiamata a valutare l’impatto delle proprie scelte sull’ambiente che la circonda e sulla comunità con la quale, direttamente o indirettamente, interagisce. Le relazioni tra lo staff di un’azienda e l’ambiente lavorativo, la natura e la comunità, infatti, influenzano la produttività dell’impresa stessa.  Per un’organizzazione, startup o azienda, che intende portare l’innovazione al suo interno, affinché gli sforzi siano a prova di futuro, occorre oggi progettare una strategia che tenga conto di tre fattori: sostenibilità, impatto sociale e integrità. Ciò significa innovare non soltanto per redditività e crescita, ma per creare valore all’intero ecosistema in gioco, prerequisito fondamentale per continuare a fornire valore in futuro.

È necessario, dunque, porsi obiettivi strategici e pensare all’innovazione in modo più sistemico. Possiamo farlo partendo dalla valutazione delle modalità in cui i nostri progetti e le nostre strategie si riflettono sulla società e sull’ambiente, formulando adeguatamente il nostro “sweet spot” dell’innovazione.

Cos’è lo sweet spot dell’innovazione?

È un framework che aiuta gli innovatori ad individuare il punto ottimale della propria strategia nell’intersezione tra desirability (desiderabilità), feasibility (fattibilità) e viability (sostenibilità) di una soluzione innovativa.

Per verificare se la nostra soluzione è:

- DESIDERABILE: dobbiamo chiederci quali problemi risolve. Come facilita il nostro cliente a completare una task o a raggiungere un obiettivo? Riesce a consentirgli di superare gli ostacoli che incontra in questo percorso? Se la risposta è sì, allora possiamo dire di aver superato il test. Altrimenti, ci sono altri punti critici da affrontare, che richiedono una ridefinizione della nostra soluzione.

- FATTIBILE: dobbiamo testare le capacità operative della nostra organizzazione che impiegheremo per realizzarla. Quali sono i nostri punti di forza operativi? La soluzione sfrutta i nostri punti di forza e, se sì, in che grado? Solo se la strategia sfrutta almeno l’80% delle nostre capacità operative possiamo procedere, altrimenti rischieremmo, da un lato, di dover investire notevolmente in nuove risorse e, dall’altro, di depotenziare la nostra organizzazione.

- SOSTENIBILE: dobbiamo sì chiederci se sia capace di garantirci un profitto, ma allo stesso tempo se sia  praticabile nel lungo periodo, contribuendo alla crescita sociale e alla protezione dell’ambiente. Per valutare quest’ultimo aspetto, possiamo farci guidare ispirandoci a tre fattori individuati nel 2005 dall’ONU tra i Principi per l’Investimento Responsabile: Environment, Social, Governance. Ci chiederemo, pertanto, rispettivamente qual è l’impatto della nostra soluzione sull’ambiente, quale sulla comunità territoriale e quale sull’ambiente di lavoro e sull’organizzazione aziendale. Ciò ci consentirà di creare un differenziale competitivo, diminuendo il rischio di fallimento nel lungo periodo.

Articoli correlati

Image
Icons

Bandi UE: call per progetti di capacity building nel campo dei diritti dei minori

Sostenere progetti nazionali o transnazionali che mirano a promuovere lo sviluppo delle capacità, lo scambio di buone pratiche e la formazione nel campo ...

Leggi tutto
Image
Icons

Mipaaf: bandi per il finanziamento dei Distretti del cibo, come accedere alle agevolazioni

Sono state prorogate al 18 maggio 2020 le scadenze dei bandi nazionali per il finanziamento dei Distretti del cibo, lanciati lo scorso 17 febbraio dal Ministero ...

Leggi tutto
Image
Icons

Innovazione: al via la X edizione del Premio Marzotto, in palio oltre due milioni di euro

Sono aperte le candidature per la decima edizione del Premio Gaetano Marzotto, promosso dall'Associazione Progetto Marzotto ed ispirato alla figura di ...

Leggi tutto